Alguer

di Pietro Peigottu

 

Addasiada in s’iscògliu ses divina,

mirende su decaìdu zigante …

liera che matrona de altu rangu,

fogosa e altera catalana,

nobile portas cussa antiga erentzia,

as de terra luntana sos profumos,

sos manigos licanzos e sabores

sas carrelas iscritas cun s’istoria.

A rodeu las zughes sas muraglias,

a ti serrare in s’abbratzu amorosu

Innida chenza mancias restas tue ,

che femina cumprida in letu ispoza

bozosa de amore pro torrare amore.

Candidos sinos de ispruma‘e mare…

manos de seda in sas carres mi lassas,

sos carignos de mare dona a mie.

Setzidu a ti mirare ,

cun d’un’abbratzu in su coro t’inserro

e un’alidu de ‘entu mi carignat.

 

Libera traduzione dell’autore

ALGHERO

Divina adagiata sullo scoglio

Osservando il placido gigante …

fiera nobile matrona,

altera focosa catalana

ti vesti di nobile discendenza,

ti copri di profumi di terre lontane

di cibi prelibati e di sapori,

e strade scritte con la storia.

Come una veste ti cingono le mura

e ti stringono in un abbraccio d’amore.

Candida senza macchia, adagiata

come una vergine senza veli,

vogliosa d’amore per donare amore.

Seni di candida schiuma,

mi offri come coppe di nettare e fiori .

Seduto ti ammiro,

immerso nella tua bellezza,

e si muove il maestrale……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *